attivita

La gastronomia può salvare la Terra?

Le professioni del turismo possono recitare la propria parte

Anche la gastronomia, l’enologia, il turismo, contribuiscono a migliorare il nostro tenore di vita e possono diventare protagonisti di un rinnovamento culturale che metta al centro la salvaguardia ambientale.

Gli argomenti del convegno La gastronomia può salvare la Terra?, ospitato nella Sala Palladio del Pala Arrex di Jesolo ed organizzato dal Comune di Jesolo - Ufficio Ambiente, in collaborazione con l'Istituto Elena Cornaro. All’incontro hanno partecipato Piergiorgio Defilippi, fondatore della Fattoria bio-sociale “Il Rosmarino” di Marcon, che ha trattato la questione delle varietà di frumento primigenie e non ibridate artificialmente e Nicola Dinato, chef “stellato” del ristorante “Feva” di Castelfranco Veneto, che è intervenuto in merito alla salvaguardia del cibo di qualità, recuperando i temi della tradizione rivolta al futuro e al rispetto delle risorse naturali del pianeta. All’evento hanno partecipato tutte le quinte dell’Istituto e fra il pubblico sono intervenuti operatori del settore, autorità e professionisti che hanno dialogato sulle opportunità che il mondo del turismo e della gastronomia può mettere in atto a proposito del rispetto della terra e delle produzioni locali. Perché l’alimentazione, la nutrizione, il rispetto ambientale, la gastronomia, l’agricoltura e le professioni coinvolte, non sono compartimenti stagni, ma settori e concetti strettamente relazionati. Lo scopo del convegno è stato quello di coinvolgere gli studenti indirizzati al mondo delle professioni del turismo e della ristorazione, nonché gli operatori del settore (ristoratori, panificatori, albergatori), ragionando assieme dei rapporti che intercorrono fra i diversi settori culturali ed economici coinvolti, profilando un comune obiettivo: la sostenibilità ambientale. Al termine del convegno, il Cornaro ha organizzato, nel proprio ristorante didattico “Marino Grimani”, un buffet incentrato sulla gastronomia del “cibo povero”, ovvero sugli alimenti che valorizzano la tavola evitando gli sprechi alimentari.

Stampa